top of page
Search
  • Writer's pictureLorenzo Berselli

Aggiornamenti Importanti dall'INPS su NASPI e DIS-COLL: Nuovi Limiti di Reddito per il 2024

L'INPS ha recentemente emesso il messaggio n. 1414 datato 9 aprile 2024, dove ha fornito chiarimenti importanti sulla cumulabilità della NASPI con i redditi da lavoro dipendente o parasubordinato.


Per l'anno 2024, il limite reddituale annuo è stato fissato a 8.500 euro.


Ricordiamo che il Decreto Legislativo 22/2015 stabilisce che la NASPI può essere cumulata con redditi derivanti da attività lavorativa subordinata, parasubordinata e autonoma.


Al contrario, la DIS-COLL si applica solo ai redditi da attività parasubordinata e autonoma, purché questi non superino il limite minimo di esenzione fiscale.


In entrambi i casi, è obbligatorio per l'assicurato comunicare all'INPS il reddito annuo presunto, per consentire l'adeguamento delle prestazioni.


A seguito delle modifiche introdotte dal Dlgs 216/2023 riguardo l'ammontare del reddito non soggetto a imposizione fiscale (la cosiddetta no tax area), si sono delineati nuovi limiti di reddito per il cumulo con NASPI e DIS-COLL:


  • Per i redditi da lavoro dipendente o parasubordinato, il limite è di 8.173,91 euro per l'anno 2023, cifra che rimane invariata rispetto al 2022.

  • Per i redditi da lavoro autonomo, il limite è fissato a 5.500 euro sia per il 2023 che per il 2024, anch'esso invariato rispetto al precedente anno.

  • Per il 2024, il limite di reddito da lavoro dipendente o parasubordinato è stato aggiornato a 8.500 euro.

Inoltre, l'INPS ha sottolineato che le prestazioni di lavoro occasionale sono compatibili e cumulabili con le indennità di disoccupazione NASPI e DIS-COLL fino a un limite di 5.000 euro. Importante notare che, in questa situazione, i beneficiari non sono tenuti a comunicare all'istituto il reddito annuo presunto.


Queste informazioni sono cruciali sia per i lavoratori che per i datori di lavoro, al fine di garantire la corretta applicazione delle normative sulla disoccupazione e il mantenimento dei benefici.




20 views0 comments

Comments


bottom of page