top of page
Search
  • Writer's pictureLorenzo Berselli

Il divieto di licenziamento delle lavoratrici

Nel contesto della tutela dei diritti delle lavoratrici, il divieto di licenziamento durante la gravidanza e il periodo post-parto emerge come una misura fondamentale. Questa protezione garantisce sicurezza lavorativa.


La Costituzione italiana, con gli articoli 3, 31 e 37, pone le basi per una società che rispetta e protegge i diritti delle donne, soprattutto in relazione alla maternità.


La Legge articola questo principio con chiarezza: è nullo il licenziamento intimato a una lavoratrice dall'inizio della gravidanza fino al compimento del primo anno di vita del bambino. Questa tutela si estende anche in situazioni più delicate, come il caso di nascita prematura o di decesso del neonato.


Per assicurare una tutela efficace, la legge stabilisce che si presume il concepimento 300 giorni prima del parto. Questo consente una protezione estesa e basata su criteri oggettivi, garantendo che la lavoratrice non sia privata ingiustamente dei suoi diritti.


Interessante è notare che il divieto di licenziamento non si limita alle lavoratrici biologiche, ma si estende anche alle madri adottive o affidatarie, dal momento dell'ingresso del bambino in famiglia. Inoltre, la tutela è attiva anche se il datore di lavoro non è consapevole dello stato di gravidanza o puerperio della lavoratrice al momento del licenziamento.


Nonostante la protezione, la legge prevede alcune eccezioni come la colpa grave da parte della lavoratrice o situazioni di cessazione dell'attività aziendale. Tuttavia, è onere del datore di lavoro dimostrare la legittimità del licenziamento in tali circostanze eccezionali.


In caso di licenziamento ritenuto illegittimo, la lavoratrice ha diritto non solo alla reintegrazione nel posto di lavoro ma anche a un adeguato risarcimento. Questo meccanismo di tutela rafforza la posizione della lavoratrice, offrendole opzioni concrete per difendere i propri diritti.


Il divieto di licenziamento in maternità è un esempio significativo di come le leggi possano agire attivamente nella tutela dei diritti delle lavoratrici. Va oltre la mera protezione legale, toccando aspetti fondamentali della dignità, della sicurezza e del benessere delle donne nel mondo del lavoro. In questo contesto, la legge non solo salvaguarda il diritto al lavoro delle donne ma promuove anche un ambiente lavorativo più equo e sensibile alle esigenze delle lavoratrici madri.




38 views0 comments

Comentarios


bottom of page